Discussione:
Tutta la malavita vestita di nero
(troppo vecchio per rispondere)
Arduino
2009-04-16 22:23:18 UTC
Permalink
Glossario:
Ligera: Mala milanese.
Colonnetta: Forse un osteria, o nome della località dovuto al fatto che una
volta vi sorgeva la "colonna infame"
Mano nera (associazione a delinquere che a detta della mala si annidava come
copertura nelle forze dell'ordine.
Calabrese: Persona sanguinaria e vendicativa.

Canzone di Rosetta:

Il tredici di agosto

In una notte scura

Commisero un delitto

Gli agenti di questura.

Hanno ammazzato un angelo

Di nome la Rosetta

Era di piazza Vetra

Battea la Colonnetta.

Chi ha ucciso la Rosetta

Non è della Ligera

Forse viene da Napoli

È della mano nera.

Rosetta mia Rosetta

Dal mondo sei sparita

Lasciando in gran dolore

Tutta la malavita.

Tutta la malavita

Era vestita in nero

Per 'compagnar Rosetta

Rosetta al cimitero

Le sue compagne tutte

Eran vestite in bianco

Per 'compagnar Rosetta

Rosetta al camposanto

Si sente pianger forte

In questa brutta sera

Piange la piazza Vetra

E piange la Ligera

Oh guardia calabrese

Per te sarà finita

Perché te l'ha giurata

Tutta la malavita

Dormi Rosetta dormi

Giù nella fredda terra

A chi t'ha pugnalato

Noi gli farem la guerra,

a chi t'ha pugnalato

noi gli farem la guerra.

13 di agosto 1914, il mondo da quindici giorni era precipitato nella seconda
guerra mondiale.
A Milano in piazza Vetra una prostituta, Elvira Andressi (in arte anche come
cantante di Cabaret: Rosetta) non ancora ventenne viene assassinata dai
questurini.
Le versioni dei fatti non sono univoche, secondo una, un certo Musto,
brigadiere gli aveva messo gli occhi addosso, dicendosene innamorato, ma più
probabilmente allo scopo di farle da lenone, finché quella sera,
all'ennesimo rifiuto, l'avrebbe ridotta in fin di vita con uno stiletto, o
col calcio del moschetto.
Secondo la versione più accreditata, un gruppetto di persone di cui faceva
parte Rosetta non aveva obbedito all'ordine di disperdersi di due
poliziotti, percui sul posto sarebbero giunti una ventina di sbirri
capeggiati dal suddetto Musto, che avrebbero particolarmente infierito su
Rosetta e su suo fratello Arturo, intervenuto in suo soccorso che era zoppo.
La ragazza fu piantonata in ospedale e le fu impedito di vedere i suoi
familiari, ma riuscì a dire: "Mi hanno ammazzata" alla sorella Maria entrata
di soppiatto nella stanza.
I medici, come spesso compiacenti, stilarono un referto di suicidio, cui
apertamente mostrò di non credere neppure la chiesa, che concesse la
funzione religiosa.
Alle esequie, partecipò, tutta piazza Vetra, tutta la mala milanese vestita
a lutto e tutte le prostitute vestite di bianco.
La storia non ebbe un lieto fine, Gli sbirri quella sera compirono una
grossa retata nella zona, arrestando moltissime persone, fra cui un altro
fratello di Rosetta, che sconvolto da quanto avvenuto, in seguito finirà i
suoi giorni in manicomio. I rumori della guerra poi spensero i riflettori
dal fattaccio. Non si sa se qualcuno sia riuscito a farla pagare al Musto.
Ma la canzone, cantata dai cantastorie per decenni risuonò a vergogna degli
sbirri. Una versione modificata fu anche ripresa dai contrabbandieri delle
Alpi.
Dal punto di vista antropologico, si potrebbe riflettere su una società in
cui valeva molto anche la vita delle persone attualmente emarginate (Adesso,
col numero di delitti di Jack lo squartatore, si comincia solo a parlare
vagamento del sospetto che ci sia un serial killer)
Dal punto di vista storico, ci sarebbe da domandarsi il perché del
perdurante costume di arruolare nelle forze dell'ordine persone socialmente
violente, Come anche la storia e cronaca recente dimostrano, da Pinelli, al
Rumeno che "spontaneamente" confessa uno stupro da cui sarà scagionato dal
dna, passando dal ragazzo ucciso a Ferrara da chi invece avrebbe dovuto
tutelare i cittadini.
Ad'I
Arduino
2009-04-16 22:26:06 UTC
Permalink
Testimonianza di un collega su Pinelli:
Mi ha salutato tranquillo dicendomi: Mi hanno convocato in questura, chissà
cosa vorranno, e tranquillamente è partito in bicicletta.
Ad'I
Arduino
2009-04-17 21:12:09 UTC
Permalink
...zip...
Post by Arduino
Dal punto di vista storico, ci sarebbe da domandarsi il perché del
perdurante costume di arruolare nelle forze dell'ordine persone
socialmente violente,
"Come puo' uno scoglio arginare il mare?" [cit. Mogol-Battisti]
Come puoi arruolare le Dame di San Vincenzo per contrastare la
delinquenza?
Se sei fermo al "porgi l'altra guancia" devi farti prete e sperare nel
martirio.
Si e' visto anche a livello internazionale cosa vuol dire opporre alla
Barbarie la Civilta'.
No. No. Non ci siamo.
Sangue chiama Sangue.
La razza dei prepotenti, è una malarazza ovunque si annidi
Come anche la storia e cronaca recente dimostrano,
Post by Arduino
da Pinelli, al Rumeno che "spontaneamente" confessa uno stupro da cui
sarà scagionato dal dna, passando dal ragazzo ucciso a Ferrara da chi
invece avrebbe dovuto tutelare i cittadini.
Piano.
E' piu' interessante invece capire perche' c'e' tutta questa "malfidenza"
nelle forze dell'Ordine e perche' questo e' un costume tutto italiano.
I Poliziotti esteri, americani, inglesi, per tacere degli altri sono molto
piu' "rognosi" degli Italiani ma all'estero non ci sono tutte le polemiche
che ci sono qua per "ogni cagatina di mosca".
Genova, autostrade varie, cazzi e mazzi, qunado succede qualcosa la Croce
e' gettata addosso alle forze dell'ordine. A prescindere. E' una cosa da
capire.
Anzi, piu' si capisce un cazzo e piu' si da' addosso alle forze
dell'ordine.
Ognuno raccoglie ciò che semina.
Se ci si mette in venti per ammazzare una ragazza, non si può aspirare a
divenire i "più amati dagli italiani"
E, infine, la "menata" del Romeno. Non hai pensato al fatto che il Romeno
si e' autoaccusato per permettere ai "commilitoni" delle Truppe di
Occupazione, magari qualche "Ufficiale" di poter "sganciarsi"?
Egli, il soldatino Romeno, "la pecora" si chiamava con terminologia della
mala (cit. film "i soliti ignoti") aveva piu' fiducia del sistema
giudiziario italiano di quanta ne abbiano gli Italiani stessi. Se sei
innocente (e straniero, sic! :-) ) la Giustizia, trionfa.
Semplicemente impossibile, i veri colpevoli, oltre ad essere persone
estranee al romeno, non erano neppure ricercati dalle forze dell'ordine, che
appunto ritenevano che il colpevole fosse lui. Sicché i baldi, hanno
rimediato la figura di inquirenti da medioevo nell'era del dna
Ciao
Ad'I
Saluti, Dido.
(Nastrino NERO con due stelle d'argento)
Loading...