Discussione:
Sindrome di Caino ?
(troppo vecchio per rispondere)
socratis
2008-04-07 15:25:35 UTC
Permalink
Raw Message
Sto cercando la causa principale per cui i nostri governanti,
a parte le chiacchere ed i buoni propositi pre-elettorali,
non siano mai riusciti a fare leggi giuste per il bene del paese.
La causa deve essere insita nel sistema su cui si fondano
le scelte politiche, cioè la struttura parlamentare e decisionale.

Questa causa potrebbe essere la sindrome di Caino,
ovvero, io opposizione non voglio che tu sia amato o valorizzato
da Dio (popolo), altrimenti non ho possibilità di essere io a
governare e quindi ti impedisco di fare cose buone di cui tu
ti possa pregiare.
Poichè io opposizione aspiro ad essere al potere, devo
far vedere che tu non sei in grado di governare bene, quindi
ti uccido (ti faccio cadere).

Vi chiedo, cosa si potrebbe fare per evitare questo processo
che paralizza il paese nel non fare bene, o, peggio! lascia la
possibilità al solo, *fare, mediocremente, male* ?

Non lamentarti se lo stato non fa molto per te.
Cerca di fare tu qualcosa di buono per lo Stato.
Grazie per le vostre utilissime indicazioni. Socratis.
piotr
2008-04-07 19:20:47 UTC
Permalink
Raw Message
Post by socratis
Non lamentarti se lo stato non fa molto per te.
Cerca di fare tu qualcosa di buono per lo Stato.
Non vedo come sia possibile nel momento in cui lo stato fa,
e pretende di regolare tutto. A quel punto e' anche
responsabile di tutto.
I cittadini in fondo non hanno torto ne' sono contraddittori
nel loro comportamento. A preoccupare di piu' sono gli
"intellettuali" che, scrivendo quanto sopra, non si rendono
conto di questo ;)
socratis
2008-04-07 20:40:27 UTC
Permalink
Raw Message
Post by piotr
Post by socratis
Non lamentarti se lo stato non fa molto per te.
Cerca di fare tu qualcosa di buono per lo Stato.
Non vedo come sia possibile nel momento in cui lo stato fa,
e pretende di regolare tutto. A quel punto e' anche
responsabile di tutto.
Uno Stato si compone di tre elementi :
Popolo, territorio, governo.
Quindi è il Popolo che fa il governo, e non il governo a fare
il Popolo, Sta al popolo cacciare a calci i suoi rappresentanti
non idonei a governarlo.
Post by piotr
I cittadini in fondo non hanno torto ne' sono contraddittori
nel loro comportamento. A preoccupare di piu' sono gli
"intellettuali" che, scrivendo quanto sopra, non si rendono
conto di questo ;)
Dipende da cosa intendi per intellettuale, e cosa intendi per
* cittadino * Io dico che siamo prima cittadini, poi ognuno
si occupa o si dovrebbe occupare di quello che gli sia più
congeniale, l'importante è saper distinguere il vero dal falso.
Comunque capisco benissimo che vuoi dire che molti
intellettuali sono di parte e di potere.
Per questo ti invito ad acquisire la profondità necessaria per
essere un buon cittadino, un buon governante e un buon
intellettuale.
La democrazia e la libertà vanno esercitate e difese da Tutti.
Ciao-:) Socratis
piotr
2008-04-08 06:48:13 UTC
Permalink
Raw Message
Uno Stato si compone di tre elementi : Popolo,
territorio, governo. Quindi è il Popolo che fa il
governo, e non il governo a fare il Popolo, Sta al popolo
cacciare a calci i suoi rappresentanti non idonei a
governarlo.
Molto naif.
socratis
2008-04-09 21:21:51 UTC
Permalink
Raw Message
Post by piotr
Uno Stato si compone di tre elementi : Popolo,
territorio, governo. Quindi è il Popolo che fa il
governo, e non il governo a fare il Popolo, Sta al popolo
cacciare a calci i suoi rappresentanti non idonei a
governarlo.
Molto naif.
Lo Stato appartiene al popolo,
il fatto è che il popolo non lo sa.
Arduino
2008-04-08 17:34:34 UTC
Permalink
Raw Message
Post by socratis
Sto cercando la causa principale per cui i nostri governanti,
a parte le chiacchere ed i buoni propositi pre-elettorali,
non siano mai riusciti a fare leggi giuste per il bene del paese.
La causa deve essere insita nel sistema su cui si fondano
le scelte politiche, cioè la struttura parlamentare e decisionale.
Non credo che l'opposizione possa impedire di fare bene.
Può però contribuire a far credere che non si faccia mai niente di buono.
Se governa un Mussolini, nessuno rema contro: Se viene costruito un
ponte, una diga, bonificata una palude, tutti ne dicono bene, e la gente
si convince di essere stupendamente governata.
Ma in democrazie, se viene fatta una strada è uno scempio ecologico, se
non viene fatta non ci si cura dei problemi della viabilità. Se si
risparmia su scuola sanità, non ci si cura dei bisogni della gente, se
si spende si è il governo delle tasse. se non si fanno pagare le tasse
si è il governo del debito pubblico, se...
Ciao
Ad'I
socratis
2008-04-10 08:20:53 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Arduino
Post by socratis
Sto cercando la causa principale per cui i nostri governanti,
a parte le chiacchere ed i buoni propositi pre-elettorali,
non siano mai riusciti a fare leggi giuste per il bene del paese.
La causa deve essere insita nel sistema su cui si fondano
le scelte politiche, cioè la struttura parlamentare e decisionale.
Non credo che l'opposizione possa impedire di fare bene.
Lo fa perchè la caratteristica dell'opposizione consiste proprio
noll'opporsi, se non si opponesse che opposizione farebbe ?
Questo tipo di impostazione sulla maniera di governare è fondato
sulla competizione fra due modi di pensare, fra due modi diversi
di vedere il bene e il male, cosa vuoi che ne esca ?
Ne esce la guerra fra due ideologie che se va bene portano
al compimento di mezze cose, fatte mezzo bene e mezzo male.
Ne esce un ibrido imbastardito che non serve a nessuno.
Se va male è paralisi del sistema.

Il problema è riformare il sistema, fondandolo sul bene comune
che il governo e l'opposizione devono realizzare e perseguire,
senza cadere nell'onciucio.Hai idee su come fare ?
Ciao. Socratis.
Arduino
2008-04-10 20:33:07 UTC
Permalink
Raw Message
Post by socratis
Lo fa perchè la caratteristica dell'opposizione consiste proprio
noll'opporsi, se non si opponesse che opposizione farebbe ?
Vero ed ovvio questo.
Ma la democrazia, in fondo è la dittatura della maggioranza, se hai il
49% dei deputati, non puoi chiedere che la maggioranza realizzi solo il
51% del suo programma.
No, metterà ai voti le sue proposre di legge, e le farà passare.
Però con un ma: Molte volte la maggioranza è divisa, specie se non è
molto consistente, bastano pochi deputati che votino contro, o che si
diano ammalati, e molti progetti del governo falliranno. Ma anche se non
succede questo, rimane il fatto che sovrani e sudditi, sono le stesse
persone, cioé il popolo nel suo insieme è sovrano, preso in singoli
cittadini è suddito. Perciò l'opposizione avrà facile gioco nel
bloccare, o costringere ad annacquare leggi necessarie ma impopolari
(Aumentare le tasse può essere necessario, ma è impopolare. Tagliare le
spese, può essere necessario, ma è impopolare quando dai propositi
teorici si passa a colpire categorie di cittadini, perciò invece di
risolvere i problemi, gli si pone dei tamponi e si rimanda
Post by socratis
Questo tipo di impostazione sulla maniera di governare è fondato
sulla competizione fra due modi di pensare, fra due modi diversi
di vedere il bene e il male, cosa vuoi che ne esca ?
Ne esce la guerra fra due ideologie che se va bene portano
al compimento di mezze cose, fatte mezzo bene e mezzo male.
Ne esce un ibrido imbastardito che non serve a nessuno.
Se va male è paralisi del sistema.
Il problema è riformare il sistema, fondandolo sul bene comune
che il governo e l'opposizione devono realizzare e perseguire,
senza cadere nell'onciucio.Hai idee su come fare ?
Una ricetta assoluta non esiste (Come dicevo, una dittatura può
risolvere all'inizio molti problemi che invece una democrazia lascia
incancrenire e diventare grandi. Ma di solito i dittatori hanno la
tendenza a divenire col tempo pazzi e sanguinari, perciò meglio evitarli.
Volere che le forze politiche concorrenti pensino solo al bene comune,
sarebbe un po' come pretendere che i cantanti di Sanremo si preoccupino
solo di far vincere il migliore, anziché se stessi.
Perciò, grandi coalizioni momentanee, non mi vedono del tutto contrario.
Poi maggioranze il più possibile unite, magari aiutate da un buon premio
di maggioranza, poi non saprei, magari la non rieliggibilità immediata
dei capi del governo, affinché pensino allo stato anziché alla
rielezione, e magari, metterei un piccolo gruppo di parlamentari a vita
sperando che questi, non dovendo pensare agli elettori, pensino alla
nazione.
Ciao
Ad'I
Post by socratis
Ciao. Socratis.
socratis
2008-04-10 22:21:06 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Arduino
Post by socratis
Lo fa perchè la caratteristica dell'opposizione consiste proprio
noll'opporsi, se non si opponesse che opposizione farebbe ?
Vero ed ovvio questo.
Ma la democrazia, in fondo è la dittatura della maggioranza, se hai il
49% dei deputati, non puoi chiedere che la maggioranza realizzi solo il
51% del suo programma.
Dittatura precaria, visto che un governo fa e il prossimo cancella,
e a sua volta rifa quello che sarà cancellato.
Il danno è grave per la società che non fa in tempo a stare
appresso alle leggi e regolamenti che cambiano continuamente.
Post by Arduino
Post by socratis
Il problema è riformare il sistema, fondandolo sul bene comune
che il governo e l'opposizione devono realizzare e perseguire,
senza cadere nell'inciucio. Hai idee su come fare ?
Una ricetta assoluta non esiste (Come dicevo, una dittatura può
risolvere all'inizio molti problemi che invece una democrazia lascia
incancrenire e diventare grandi. Ma di solito i dittatori hanno la
tendenza a divenire col tempo pazzi e sanguinari, perciò meglio evitarli.
Lasciamo stare le dittature che sono il fallimento dell'autonomia
di autogovernarsi di un popolo.
Ci manca il 4° Potere che apparterrebbe alla Stampa.
La Stampa e gli organi di informazione dovrebbero essere i
controllori degli atti degli uomini politici.

Il potere di controllo della Stampa è stato disattivato dal momento
che è lo stato a pagare le testate dei giornali.
Siamo nella merda ?? Ciao. Socratis
Charles
2008-04-11 20:03:25 UTC
Permalink
Raw Message
Post by socratis
Sto cercando la causa principale per cui i nostri governanti,
a parte le chiacchere ed i buoni propositi pre-elettorali,
non siano mai riusciti a fare leggi giuste per il bene del paese.
La causa deve essere insita nel sistema su cui si fondano
le scelte politiche, cioè la struttura parlamentare e decisionale.
Questa causa potrebbe essere la sindrome di Caino,
era largamente diffusa anche nell'antichità, ma non ha impedito ai
romani di legiferare in modo produttivo.
il problema sono i comportamenti imho.
--
Tutti i concili sono infallibili, è indubbio; infatti sono composti di
uomini. E' impossibile che le passioni, gli intrighi, lo spirito di
controversia, l'odio, la gelosia, il pregiudizio, l'ignoranza regnino
mai in queste assemblee.
Loading...